Rènico spiega Cinquecento in 500 semplici parole: track by track

Abbiamo chiesto a Rènico di spiegarci il suo ultimo lavoro discografico, Cinquecento, attraverso due righe di considerazione d’autore track by track dell’album.

 

 

Segui Radio La Ruota su IG
Segui Rènico su IG

Cinquecento’s track by track

renicoUn esperimento, oppure una sorta di caffè a distanza: chiedere ad un interessantissimo cantautore emergente, quale Rènico, di dedicarci la scrittura di giusto cinquecento semplici parole inedite circa la sua ultima produzione musicale: Cinquecento, appunto. Un album che sa di legno e alghe di una barca a molo, vista dal falò di una spiaggia, baciata dal mare e dal vento. Ritratto della melanconia, dell’incertezza, del tentativo di un ragazzo che prova a comprendere l’incomprensibile, attraverso la musica.

E’ un’occhiata dal balcone di una strada che raffigura una fetta di vita e i suoi borghi.

Due domande strettamente personali, a riguardo, che ho voluto cogliere l’occasione di porgli. Noterete che la prima è introduttiva, leggera, apripista; la seconda, invece, è un ingannevole tackle a gamba tesa. Utile per addentrarci senza fronzoli all’interno del cuore  del progetto artistico di Rènico.

Serie tv e Spotify?
Ultimamente non sto guardando molto la TV, l’ultimo film che ho visto è stato “Il buco” di Galder Gaztelu-Urrutia, su Netflix. Mentre l’ultimo brano ascoltato è stato “Even after all” of di Finley Quaye, per pura e semplice voglia di relax.

Riusciresti a mescolare la storia di ‘Hai mai‘ con la parola ‘Rènico’?
“Hai mai” è un brano che è nato al mare. In un giorno di sole è nato un brano così introspettivo e a tratti cupo. Già questo dice molto su Rènico. Ricordo la mia incapacità di riuscire a vedere il fondale dato il riflesso dell’acqua, l’unica figura nitida era la mia e questo mi fece perdere nelle considerazioni da cui è nato il brano. Rènico è un riflesso della mia personalità, forse quella più pura e mi piace pensare che tutto ciò che cerchiamo ‘in più’ magari è superfluo, magari bastiamo a noi stessi. Questo è un po’ il concept che si rivela alla fine dell’EP (anche e soprattutto in “Cinquecento”). Personalmente credo che tutti noi siamo soli, il bello è riuscire ad esserlo anche in compagnia.

Dunque, eccole: le considerazioni flash di Cinquecento, track by track, made by Rènico.
Mettiti comodo.
Leggi, ascolta, viaggia.

 

Stendino

Vecchie paure e nuove emozioni che ci tengono ‘appesi’. Animo pop-rock, ‘Stendino’ è la boccata d’aria dell’EP.

 

Complanari

Monologo sulle vie di fuga, ‘Complanari’ è un brano costruito per immagini che rimandano alle idee di cui ci innamoriamo. Amare la nostra idea di un qualcosa non equivale ad amarla.

 

Dove non ci sei

È tutto sbiadito. Un rapporto adolescenziale ancora da scrivere o una poesia sulla mancanza?

 

Hai mai

‘Sarebbe bello fermare il tempo’. Tema cardine dell’intero lavoro, in questo brano il tempo è il nemico che amiamo.

 Cinquecento

Questa sera non ti ho incontrata’. Brano scritto per una ‘Lei’ che non è tangibile, ‘Cinquecento’ è una dichiarazione d’amore per sé stessi.

 

Luigi Crispino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *